pratiche edilizie in sanatoria

Hai scoperto che l’attuale situazione dell’immobile che vuoi vendere non è conforme alla documentazione? Devi provvedere subito ad effettuare una sanatoria, o rischi di incorrere in gravi sanzioni. Affidandoti ai nostri esperti avrai la certezza di rimettere tutto in regola in tempi brevi.

NE VOGLIAMO PARLARE?

L’abuso edilizio è un illecito penale che consiste nel realizzare un intervento edilizio senza permesso di costruire (o licenza o concessione), senza autorizzazione o comunicazione al comune. Non importa che abbiate realizzato un condominio abusivo o un bagno, resta sempre un reato penale.

Qualche volta non ci accorgiamo di averlo commesso, altre volte lo ereditiamo, altre volte ancora lo sottovalutiamo. L’abuso, non importa come o quando è stato realizzato, va assolutamente sanato.

I diversi tipi di abuso edilizio
Abuso totale
Edificio abusivo

Quando non esiste alcun titolo abilitativo (l’immobile è stato realizzato senza nessun provvedimento amministrativo, licenza edilizia, concessione edilizia o permesso a costruire) oppure lo stabile è costruito in maniera completamente diversa rispetto agli elaborati del permesso (differenze tipologiche, plano-volumetriche o di utilizzazione). In questo caso un Permesso di Costruire in Sanatoria può sanare la situazione.

ATTENZIONE!

Non sempre è possibile. Per verificarlo occorre visionare lo strumento urbanistico comunale. Lo strumento è il Piano Regolatore Generale, ad oggi sostituito dal Piano strutturale e Regolamento urbanistico. Altrimenti bisogna DEMOLIRE il manufatto.

Per questo abuso, deve anche essere richiesta la sanatoria strutturale al genio civile.
Abuso sostanziale
Variazioni essenziali
Difformità che determinano una differenza quali-quantitativa rispetto al progetto autorizzato. Sono variazioni sostanziali il cambiamento di destinazione d’uso, l’aumento della cubatura o della superficie, modifiche sostanziali di parametri urbanistico-edilizi del progetto e la violazione della normativa edilizia antisismica. E’ possibile sanare con una SCIA o Permesso di Costruire in Sanatoria. Esempio: chiusura del balcone con una veranda, ampliamento edificio, opere strutturali, creazione balcone o terrazza etc.
Per questo abuso, deve anche essere richiesta la sanatoria strutturale al genio civile.
Abuso minore
Difformità parziali
Ad esempio piccole modifiche interne: ossia quando gli interventi costruttivi, pur se autorizzati, sono realizzati con modalità diverse che incidono solo su elementi particolari e non essenziali della costruzione. In questo caso è possibile sanare la situazione con una CILA in Sanatoria, per lavori già eseguiti. Esempi: spostamento o demolizione di tramezzi, realizzazione di nuovi bagni, apertura o chiusura porta, realizzazione soppalchi etc.

Molte difformità possono essere sanate, cioè regolarizzate convertendo il reato penale in una sanzione pecuniaria.

Per quanto riguarda alcune città (specialmente le più grosse), esistono altri tipi di provvedimenti, che comportano il semplice deposito dello stato di fatto, in cui si trova l’immobile.

Esistono, inoltre, una lista di “piccoli abusi” (difformità non rilevanti), che non necessitano della sanatoria.

Nella pratica, le difformità sono innumerevoli ed ogni fattispecie merita una valutazione ed una risoluzione specifica. Non tutte le difformità si possono sanare, quindi bisogna prestare la massima attenzione ed affidarsi a professionisti altamente qualificati.

Operiamo principalmente in Piemonte, a Torino e Provincia, ad Asti e Provincia, a Cuneo e Provincia, ma per te, su richiesta, possiamo lavorare in tutta Italia.
Vuoi saperne di più?

Compila il modulo e richiedi maggiori informazioni.

“Il mio progetto preferito? Il prossimo.”

(Frank Lloyd Wright)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi